APPARECCHI ACUSTICI

Un apparecchio acustico è una protesi che ha la funzione di correggere la perdita della capacità uditiva.

Può essere analogico (vecchia tecnologia ) e digitale (nuova tecnologia).
Gli apparecchi acustici oggi in commercio sono principalmente di quattro tipi:

Retroauricolare Si tratta di apparecchi costituiti da due parti,la prima parte è posta dietro il padiglione auricolare dove sono contenute tutte le componenti elettroniche: microfono, amplificatore e batterie. la seconda parte è costituita dal tubicino che conduce il segnale alla “chiocciola”, posta nel condotto uditivo la quale trasmette il suono all’interno del canale uditivo.

Endoauricolari Si tratta di apparecchi acustici posti all’interno dell’orecchio e pertanto ancor meno visibili dei precedenti. Il vantaggio di questi apparecchi, oltre al minor impatto visivo, è costituito dall’avere il microfono interno al padiglione auricolare una posizione più naturale che, favorisce la corretta comprensione della provenienza del suono.

Open Ear Sono apparecchi acustici posti sul padiglione auricolare estremamente miniaturizzati e con un sottilissimo tubicino che porta il suono nel condotto uditivo.
La scelta di questo apparecchio acustico viene imposta nella correzione delle perdite uditive con deficit prevalente sulle frequenze medie e acute (1000-6000 Hz) e conservazione delle frequenze gravi (125-1000 Hz).
Tale sistema infatti consente di evitare l’amplificazione delle frequenze gravi ancora ben conservate e non creare senso di occlusione del condotto uditivo. Il risultato di questa versione di apparecchio è quella di ottenere una voce molto più vicina a quella naturale.

Protesi a occhiale: Tutti i componenti della protesi sono sistemati all’interno di una o entrambe le stanghette della montatura di un occhiale. Vi sono due tipi di protesi ad occhiale: l’ occhiale aereo e  l’occhiale osseo indicato per le sordità lievi e medie, in cui l’abbassamento uditivo è dovuto a sordità trasmissiva con perforazione permanente del timpano.